Breve evoluzione del campionato italiano

Juventus: la squadra più vincente del campionato di Serie A

La serie A

La serie A è la massima divisione professionistica del campionato italiano. Attualmente il campionato italiano è composto da 20 squadre partecipanti, di cui la prima classificata vince lo scudetto, le ultime tre retrocedono in serie B.

In questo momento, in base ai risultati del ranking UEFA (aggiornati annualmente), si tratta del quarto campionato più competitivo d’Europa; ciò consente dalla prima alla terza classificato la qualificazione alla Champions League (la terza classificata parte dai preliminari), mentre la quarta e la quinta classificata più la vincitrice della coppa Italia possono partecipare all’ Europa League (la quinta parte dai preliminari, mentre se la vincitrice della coppa nazionale è una delle prime 5 allora viene ammessa alla partecipazione in Europa League la sesta classificata, ovviamente partendo dal preliminare).

Breve evoluzione del campionato italiano

Breve evoluzione del campionato italiano fino all’attuale serie A

La serie A nel corso del tempo ha incontrato diversi cambiamenti e evoluzioni riguardanti il nome e la struttura del campionato. Partendo dal lontano 1898 dove era chiamato Campionato Italiano di Football, si trattava semplicemente di un torneo con la partecipazione di sole quattro squadre; e tale formula di torneo fatta con gironi e dopo scontri ad eliminazione diretta andò avanti fino al primo decennio del ‘900, dopodiché si passò ad un formula che prevedeva due gironi e il campionato era chiamato Prima Categoria.

Il campionato italiano continuò cambiando nominativo, passando dal Prima Divisione nel 1921 a Divisione Nazionale nel 1926, e allargando i suoi confini visto che inizialmente vi partecipavano solo squadre del nord Italia, arrivando ad una formulazione di due gironi formati da 16 squadre ciascuno di cui le prime classificate si sfidavano per stabilire il vincitore finale della competizione.

Dal 1929 si è passati alla formula attualmente in vigore tuttora del girone di andata e ritorno, prevedendo che se squadre si sfidassero due volte nell’arco di un campionato, una “in casa” l’altra in “trasferta”; il campionato italiano fu denominato Serie A.

Il numero di squadre in questo campionato è variato nel tempo da un minimo di 16 squadre fino ad un massimo di 21 (campionato 1947-48), fino a stabilizzarsi sulle 20 partecipanti da ormai più di dieci anni; per quanto riguarda i punteggi assegnati alla singola partita questi sono 1 punto per il pareggio e 3 per la vittoria (a partire dalla stagione 1994/95, mentre in precedenza ne erano assegnati 2).

La Juventus Football Club

Tra le squadre maggiormente vincenti e soprattutto che hanno da sempre dato continuità alle loro vittorie, troviamo la Juventus con 31 scudetti (2 sono stati revocati), il Milan con 18 e l’Inter anch’esso con 18; e sono anche le uniche società in possesso della stella, ovvero del simbolo sulla maglia di chi raggiunge il traguardo dei dieci scudetti (di fatti la Juventus ha 3 stelle).

Anche analizzando la classifica perpetua della serie A (che va dal 1929 in poi) la squadra ad aver ottenuto più punti e più vittorie è la Juventus. Si tratta sicuramente della squadra più titolata a livello italiano, vincendo ben 33 volte lo scudetto (di cui due revocati a causa dello scandalo calciopoli), 10 Coppa Italia, 6 Supercoppe italiane; mentre a livello internazionale può contare su 2 Champions League, 3 Coppa Uefa, 2 Supercoppe europee, 1 coppa delle coppe, 2 coppe intercontinentali.

Oltre che la più titolata a livello nazionale, in Italia possiede anche il primato di essere il club con più sostenitori. Dal 2011 possiede anche un suo stadio di proprietà, lo Juventus Stadium, e grazie anche ad esso è infatti il club col maggior fatturato italiano e il decimo a livello mondiale.

Fonte: Campionato Serie A, Sky